Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

La Toscana viaggia in Scania

Consegnati 10 Scania Scania CityWide alla Tiemme S.p.A. azienda toscana di trasporto pubblico impegnata nelle province di Arezzo, Grosseto e Siena e comprensorio di Piombino. Scania guarda già oltre e punta sempre più al metano.

La qualità della vita di una città deve molto a servizi di trasporto moderni ed efficienti, se ha questi si aggiungono benefici di tempo per i cittadini e di risparmio per la comunità il successo è garantito. Questi motivi hanno spinto la Tiemme S.p.A., azienda di trasporto pubblico locale impegnata in diverse provincie toscane, a ringiovanire il suo parco di mezzi pubblici. E la scelta è ricaduta sugli Scania CityWide. Il 10 marzo Franco Fenoglio, amministratore delegato di Italscania S.p.A., ha consegnato a Massimo Roncucci, presidente di Tiemme S.p.A. le chiavi dei nuovi veicoli, schierati per l’occasione in piazza della Libertà ad Arezzo. 

«I veicoli Scania rappresentano l’avanguardia – dichiara Franco Fenoglio –. Sono la perfetta fusione tra redditività e alti standard ambientali. Crediamo che ciò consentirà agli Scania Citywide di aiutare le città a migliorare ulteriormente l’immagine che di esse hanno sia i passeggeri locali sia i turisti che da tutto il mondo giungono a visitare questi luoghi».

Alla cerimonia hanno preso parte anche Roberto Caldini, direttore della Divisione Buses & Coaches di Italscania S.p.A.; Giuseppe Introini, responsabile Italscania per il Trasporto Pubblico; Massimiliano Dindalini,  consigliere di Amministrazione di Tiemme Spa; Piero Sassoli, Direttore Generale di Tiemme S.p.A.; Vincenzo Ceccarelli,  assessore della Regione Toscana ai Trasporti; Stefano Gasperini, Pro Sindaco di Arezzo; Franco Dringoli, assessore alla Mobilità e Trasporti del Comune di Arezzo; Roberto Vasai, Presidente della Provincia di Arezzo.

I dieci autobus sono entrati immediatamente all’opera, permettendo di apprezzarne i molteplici vantaggi. Dodici metri di lunghezza per 34 posti a sedere e 63 posti in piedi degli Scania Citywide li rendono ideali per le tratte cittadine. Interni spaziosi ed ergonomici pensati anche per facilitare l’utilizzo da parte di passeggeri con ridotta capacità motoria, sono, infatti, quattro i posti a sedere adibiti. La pedana manuale per la movimentazione di passeggeri con disabilità e la presenza di segnaletiche visive e acustiche rispondono con efficacia alle sempre più stringenti richieste di accessibilità e usabilità nei mezzi adibiti al trasporto locale. Un’elegante ergonomia degli interni che si ritrova anche nella postazione di guida. Il cruscotto è completamente regolabile e si muove in coordinato con il volante. Ogni autista può configurare la distanza ottimale dai comandi per un maggiore comfort e sicurezza. La presenza di un sistema separato per la gestione della climatizzazione permette all’autista di controllare al meglio la temperatura dell’ambiente di guida e di quella dei passeggeri. Oltre a tutto ciò vi è poi la consueta certezza data dalle motorizzazioni Euro 6 della Casa del grifone. Economia dei consumi, sostenibilità e rispetto dell’ambiente. Queste performance hanno permesso allo Scania Citywide di rappresentare una valida opportunità  per il trasporto pubblico locale. E i numeri lo stanno confermando. “Sono molte le soddisfazioni raccolte grazie a questo modello  – dichiara Roberto Caldini, Divisione Buses & Coaches di italscania S.p.A. – Le unità consegnate a Tiemme S.p.A. sono solo le ultime dei 50 consegnati finora dal 2014. Ma guardiamo avanti. A breve, oltre a questi ne seguiranno altri che entreranno nel parco mezzi della Atap di Biella, alla Atm di Catania e alla Brescia Trasporti».

Scania, nel frattempo, continua a guardare al futuro prossimo e alle soluzioni sempre più ad impatto zero; come conclude Roberto Caldini «la soluzione del momento è la propulsione a gas metano. E la versione ibridizzata dell’euro 6 Scania Citywide LE, unico autobus ibrido parallelo che può utilizzare biodiesel fino al 100%, sta dimostrando di avere tutte le carte in regola per essere l’economica, e sostenibile, alternativa per il trasporto pubblico urbano ed extraurbano. Stiamo infatti per introdurre un nuovo pulmann interurbano che sfrutterà questa tecnologia verde».