Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

Pronti a rombare

Il nuovo V8

Storia di un collaudatore di V8

L'esperto collaudatore Rickard Sjöstrand adora il rombo del motore V8 e Scania è impaziente di conoscere la sua opinione sulle novità messegli a disposizione in anteprima dalla casa svedese . Dall'estate del 2016, Sjöstrand guida uno Scania S 650 6x2 Euro 6 e, ancora oggi, ritiene che avviarne il motore sia un vero piacere.

Rickard sjöstrand sotto la neve
“Anche il mio autocarro precedente era un V8 Scania”, dichiara Sjöstrand. “Tuttavia, i cilindri di questo nuovo modello hanno una corsa più lunga e quindi il rombo del motore è davvero unico”.

Un motore potente è importante

In qualità di collaudatore impegnato a valutare la prossima generazione di autocarri, Sjöstrand non può che apprezzare la potenza del nuovo V8.

“Il mio autocarro precedente disponeva solo di 580 CV. Questo ne ha 650 e la differenza è notevole. Il motore è davvero potente e funziona alla perfezione. Si potrebbe obiettare che un motore più grande consuma più carburante e invece, rispetto al veicolo di prima, consuma ben tre litri in meno per 100 chilometri”.

Sjöstrand è stato scelto come collaudatore dal suo datore di lavoro, Eurolink, la cui sede si trova a Ljungbyhed. “Naturalmente, speravo che me lo chiedessero per l'impegno che da sempre metto nello svolgere il mio lavoro”.

Due anni di test sul campo

Sjöstrand guiderà il modello S 650 fino all'estate del 2018, fornendo a Scania report periodici sulla propria esperienza con il veicolo.

“È la seconda volta che lavoro come collaudatore”, afferma. “Per me è un vero onore poter dare un contributo allo sviluppo di nuovi veicoli e penso che Scania tenga conto anche delle mie opinioni”.

Sjöstrand viaggia ogni giorno per due settimane, seguite da una settimana di riposo, trasportando sacchi di calcestruzzo da Strängnäs, nella provincia svedese del Södermanland, fino a 20 centri per il bricolage a Stavanger e Oslo, in Norvegia.

In ogni viaggio porta tre pallet che per essere caricati richiedono 15 minuti. Spesso raggiunge la destinazione di sera e vi si ferma a dormire e a volte si incontra con alcuni amici. “Ieri, quando sono arrivato, ho scoperto che un collega aveva attivato la sauna aziendale”, rivela. “Potermi sedere a fare due chiacchiere ha reso la serata davvero piacevole”. 

Una vita on the road

Con il passare degli anni, l'autostrada E18 è diventata per Sjöstrand come una seconda casa. A tenergli compagnia durante i viaggi sono i suoi amati audiolibri e con i colleghi scambia suggerimenti sui titoli da ascoltare.

“Ascolto quasi tutto”, dichiara, “ma quello che mi deve piacere sono i personaggi principali del libro. Due dei miei preferiti sono "Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve" e "L'uomo che metteva in ordine il mondo". Da entrambi, tra l'altro, sono stati tratti due ottimi film”.

Il prossimo autunno saranno 15 anni che Sjöstrand lavora come conducente professionista, ma in realtà è da molto più tempo che viaggia per lavoro. Il padre, un responsabile dei trasporti, e altri familiari guidavano mezzi pesanti e Sjöstrand dichiara di avere molti ricordi di lunghe strade estive piene di sole. “Avevamo dei parenti a Dalarna e quando ero bambino li raggiungevamo con l'autocarro per le vacanze.

Quando sono diventato un po' più grande ho trascorso intere vacanze in viaggio. Quella bella sensazione di stare seduto in alto sull'autocarro... che bella vita. Per me è questo il significato di libertà”.