Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

 

Spazio Percorsi

Il green deal europeo

La dimensione globale e la gravità che ha assunto l'emergenza climatica necessitano di provvedimenti immediati. Oggi andremo a scoprire insieme quali sono le azioni che le organizzazioni internazionali e la comunità europea stanno mettendo in atto per contrastare questa emergenza climatica.

Ciao,

sono Silvia di Scania e questo è Spazio Percorsi, una rubrica settimanale in cui affrontiamo da vicino alcuni temi legati alla sostenibilità e al trasporto.

Alla ventunesima riunione della Conferenza delle parti (Cop 21) della Convenzione sui cambiamenti climatici, tenutasi a Parigi nel dicembre 2015, hanno partecipato 195 stati insieme a molte organizzazioni internazionali. In questa occasione, il 12 dicembre 2015, si è raggiunto un accordo storico, comunemente definito l’Accordo di Parigi. Obiettivo: mantenere l’innalzamento della temperatura terrestre al di sotto dei 2° centigradi rispetto all’era pre-industriale e proseguire con gli sforzi per limitarlo fino a 1,5°. L'accordo di Parigi è il primo accordo universale e giuridicamente vincolante sui cambiamenti climatici: ovviamente l’Europa ne fa parte, e anzi possiamo dire che si sia ritagliata un ruolo chiave nella lotta per il clima. Da quel dicembre del 2015, infatti, gli europei hanno fatto grandi passi avanti lanciando, con la nuova Commissione di Ursula von der Leyen, il Green Deal.

Il Green Deal europeo è la nostra tabella di marcia per rendere sostenibile l'economia dell'Europa. La chiave sta nel raggiungere questo obiettivo trasformando le problematiche climatiche e le sfide ambientali in opportunità in tutti i settori politici e rendendo la transizione equa e inclusiva per tutti.

Il Green Deal europeo prevede un piano d'azione volto a:

1.       promuovere l'uso efficiente delle risorse passando a un'economia pulita e circolare

2.       ripristinare la biodiversità e ridurre l'inquinamento

Per conseguire questi obiettivi sarà necessaria un’azione trasversale in tutti i settori della nostra economia, tra cui:

1.       investire in tecnologie rispettose dell'ambiente

2.       sostenere l'industria nell'innovazione

3.       introdurre forme di trasporto privato e pubblico più pulite, più economiche e più sane* ne parliamo nella prossima puntata!

4.       decarbonizzare il settore energetico

5.       garantire una maggiore efficienza energetica degli edifici

6.       collaborare con i partner internazionali per migliorare gli standard ambientali mondiali.

È evidente quindi che la battaglia ambientale sia anche una enorme scommessa economica: la stessa Ursula von der Leyen ha ricordato che il 37% dei 750 miliardi del piano NextGenerationEU saranno destinati a obiettivi previsti dal Green Deal. E un terzo dei fondi che l’Europa raccoglierà dai mercati dovrà provenire da investimenti della finanza verde, cioè da titoli che abbiano un elevato coefficiente di rispetto per l’ambiente.

Possiamo quindi affermare che non c’è sostenibilità economica senza sostenibilità ambientale: questa è l’unica via che possiamo percorrere per lasciare ai nostri figli il futuro e le prospettive che vorremmo per loro. 

ARTICOLI CORRELATI