Italia

Una catena cinematica su misura per ogni esigenza e applicazione

 

  • Scania continua ad ampliare la propria gamma di motori Euro 6
  • Risparmio di carburante del 7-10% grazie ai motori V8 di nuova generazione
  • Motori Scania in linea a 5 cilindri ora disponibili in 5 versioni
  • Il quartetto di motori da 13 litri è stato completato con una nuova versione da 370 CV.

 

Fin ad ora, i veicoli Scania di nuova generazione dispongono di 13 motori Euro 6, con potenza da 280 a 730 CV, basati su tre piattaforme differenti. In vendita dal mese di giugno, anche gran parte delle configurazioni di assali e cambi sono stati resi disponibili per la personalizzazione dei veicoli dell’industria delle costruzioni, dei veicoli forestali e dei trattori eccezionali, con particolare attenzione a caratteristiche quali robustezza e produttività. A prescindere dalla scelta della catena cinematica, ora Scania è in grado di offrire un consumo di carburante ancora minore, aiutando quindi i clienti ad ottenere una migliore economia operativa totale possibile.

“Come è ampiamente noto, i veicoli per l’industria delle costruzioni sono i veri e propri tuttofare del mondo degli autocarri, con un numero praticamente illimitato di mansioni e sfide differenti da affrontare”, afferma Anders Lampinen, Product Director, Construction, Scania Trucks. “Tuttavia, a prescindere dall’applicazione interessata o dalla tipologia di attività all’interno dell’industria delle costruzioni, ogni cliente Scania deve sempre poter contare su una catena cinematica efficiente e specificata su misura in base al lavoro da svolgere”.

In giugno, Scania ha presentato una generazione completamente nuova di motori V8 da 16 litri che offre una riduzione del consumo di carburante del 7-10%, a seconda del tipo di applicazione. Il miglioramento dei motori V8 è basato principalmente sulle novità già presentate in anteprima sui motori da 13 litri in occasione del lancio della nuova generazione di veicoli Scania nell’autunno 2016.

Queste modifiche comprendono, con alcune rare eccezioni, l’impiego solamente della riduzione catalitica selettiva (SCR) per il post-trattamento dei gas di scarico, consentendo quindi di realizzare motori più leggeri e robusti con turbocompressore a geometria fissa e senza ricircolo dei gas di scarico (EGR).

Il V8 Scania di nuova generazione assicura un risparmio di carburante del 7-10%, grazie alle nuove tecnologie e ai sistemi ausiliari aggiornati che aumentano anche robustezza e affidabilità.

Motore da 9 litri aggiornato

All’inizio dell’estate, anche la piattaforma di motori Scania da 9 litri è stata rivista allo stesso modo, con robusti motori a 5 cilindri in 3 livelli di potenza differenti. Il risultato è stato una riduzione significativa del 3% del consumo di carburante.

Le nuove funzionalità sono rappresentate da un nuovo software per il motore e dalla riprogettazione della camera di combustione. Una modifica importante risiede nel controllo del raffreddamento dell’olio tramite un termostato. Questo contribuisce a un risparmio di carburante dell’1%, in quanto generalmente l’olio può essere mantenuto a una temperatura di esercizio più elevata. La ventola di raffreddamento è montata direttamente sull’albero motore e non richiede quindi una quantità di energia eccessiva.

Quello che ora tutti i motori da 9 litri hanno in comune è che, come tutti gli altri motori della nuova generazione di veicoli, sono equipaggiati unicamente con turbocompressore a geometria fissa (FGT) e riduzione catalitica selettiva (SCR) per il post-trattamento dei gas di scarico

Ora i popolarissimi motori Scania da 9 litri sono disponibili in 5 versioni differenti per la normativa Euro 6, due delle quali possono funzionare al 100% a biodiesel.

“Scania ha maturato un’ottima esperienza nella combinazione di un turbocompressore a geometria fissa e della tecnologia SCR per il post-trattamento dei gas di scarico”, ribadisce Lampinen. “Si tratta di motori efficienti, robusti ed estremamente affidabili, progettati per offrire tutta la potenza necessaria per i veicoli destinati all’industria delle costruzioni e alle applicazioni della distribuzione”.

Altre modifiche che contribuiscono a ridurre il consumo di carburante sono il rapporto di compressione aumentato da 18,0:1 a 19,0:1, la pressione dei cilindri aumentata a un massimo di 190 bar (180 bar per la versione 280) e la camera di combustione più efficiente.

Potente e robusto
Il DC09 è un motore ampiamente testato e collaudato. Fa parte della gamma Scania da tempo ed è stato rivisto con una serie di migliorie per rimanere sempre all’avanguardia assoluta in termini di consumo di carburante e prestazioni.

Grazie alla capacità di erogare una coppia fino a 1.700 Nm a 1.050 giri/min., con un rapido aumento di coppia fin da bassi giri, è in grado di svolgere un lavoro egregio in ogni tipologia di impiego, dalle migliaia di veicoli impiegati per la distribuzione ai veicoli per l’industria delle costruzioni, dove il motore DC09 è già diventato la scelta ideale per questo tipo di applicazioni esigenti con una massa totale a terra di circa 30 tonnellate.

La famiglia DC09 prevede essenzialmente la stessa tecnologia e lo stesso design del motore a 6 cilindri, cioè il modello DC13. Grazie agli alberi di bilanciamento e all’introduzione dell’Asymmetric Crank Pin Pitch (ACPP) per contrastare la tendenza alle vibrazioni dei motori a 5 cilindri, ora il motore funziona in modo lineare e silenzioso come un 6 cilindri. I clienti ai quali si rivolge sono coloro alla ricerca della massima potenza e robustezza e del minimo consumo di carburante ma che, per motivi legati alla tara, non vogliono optare per un motore a 6 cilindri.

Un assaggio di biodiesel
Nel mese di giugno sono stati introdotti i primi motori a carburanti alternativi per i veicoli Scania di nuova generazione: il DC09 320 e il DC09 360. Infatti, con le specifiche giuste, entrambi possono essere alimentati a gasolio o biodiesel FAME al 100% (come il metil-estere di colza o RME) o con qualsiasi miscela di questi due tipi di carburanti.

Gli attuali motori a biodiesel 320 e 360 sono i primi del proprio genere e saranno seguiti da molti altri motori Scania a carburanti alternativi. Nella configurazione di base, tutti i motori diesel Scania Euro 6 sono già certificati per miscele fino al 10% di biodiesel, senza alcun impatto sui requisiti di manutenzione.

Il biodiesel puro produce sempre emissioni di anidride carbonica considerevolmente inferiori rispetto al gasolio tradizionale. Alcuni tipi di carburanti alternativi come l’HVO (olio vegetale idrotrattato) possono garantire una riduzione della CO2 fino al 90%. Tutti i motori Scania Euro 5 ed Euro 6 attualmente in produzione possono funzionare a HVO senza alcuna limitazione, a prescindere dalla generazione.

 

Scania è già al lavoro per ampliare la propria gamma di motori per i veicoli di nuova generazione con motori Euro 6 a carburanti alternativi. Le prime sono state le versioni a biodiesel, ma saranno seguite da molte altre.

“La gamma di motori Scania a carburanti alternativi è già di per sé unica sul mercato, ma molte altre versioni sono già in cantiere”, afferma Henrik Eng, Segment Director, Urban, Scania Trucks. “Il passaggio a soluzioni di trasporto sostenibili è una delle massime priorità per Scania e rappresenta un impegno sia a lungo termine che nell’immediato”.

* Ad eccezione del modello DC16 730