Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

La Porta Sud del Battistero di Firenze ha viaggiato in Scania

680 anni dopo la messa in opera, la Porta sud del Battistero di Firenze inizia il restauro che la riporterà all’antico splendore. Il trasporto è stato svolto da uno Scania.

Nella notte tra il 15 ed il 16 aprile 2016 la Porta sud del Battistero di Firenze ha lasciato la sua sede originale per raggiungere l’Opificio delle pietre dure del capoluogo Toscano, nel quale si sottoporrà ad intensi lavori di restauro che la riporteranno al suo antico splendore. Fra tre anni verrà posizionata nel Museo dell’Opera del Duomo, dove prenderà dimora affianco alle già restaurare Porta Nord e Porta del Paradiso di Lorenzo Ghiberti.

Uno Scania ha avuto l’onore di poter trasportare questi delicati 680 anni di storia verso la loro destinazione definitiva. Questo è, in ordine di tempo, l’ultimo viaggio della porta dopo i precedenti restauri avvenuti nel 1944 e nel 1966.

L’imponenza della porta bronzea, pesante circa 8 quintali e dalle dimensioni importanti di 4,94 metri di altezza e di 2,95 metri di larghezza, hanno reso necessario un trasporto con un veicolo come quello utilizzato: uno Scania R480 LB8x2*6 HLB. Ad occuparsi delle operazioni è stata la CAF, Cooperativa Autotrasportatori Fiorentini, di Firenze, storico cliente della concessionaria Toscandia di Calenzano.

«Abbiamo scelto di operare con questo Scania R480 perché rappresentava il mezzo più adatto al tipo di intervento e alle necessità contestuali nella quali si è trovato ad operare» afferma Simone Gramigni, presidente della CAF.

La configurazione del veicolo riesce infatti a garantire una corretta ripartizione dei pesi su tutti gli assali del veicolo, il che offre dei vantaggi importanti per la stabilità del mezzo. Peculiarità che viene ulteriormente aiutata dal telaio ribassato. Considerata anche la fragilità degli elementi decorativi della porta, inoltre, la presenza esclusivamente di sospensioni pneumatiche ha impedito il ricrearsi di eccessive sollecitazioni derivanti dal fondo irregolare sul quale il veicolo ha agito, garantendo parallelamente un livello costante dell’altezza telaio.

Ma al mezzo sono state riconosciute molte altre peculiarità che hanno aiutato CAF nel trasporto in sicurezza della porta, come conclude Gramigni: «Questo Scania ha confermato ancora una volta l’affidabilità delle soluzioni della casa svedese e si è fatto apprezzare per la precisa manovrabilità che ha aiutato il nostro autista a districarsi con agilità anche in un ambiente angusto come il centro di Firenze».