Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

Scania continua a promuovere i carburanti rinnovabili

Il nuovo ed efficiente motore diesel a bioetanolo pronto a ridurre le emissioni di CO2 del 90%

Scania produce autobus a etanolo da oltre 18 anni. Come i gestori di flotte di diverse città svedesi hanno avuto modo di verificare, questa tecnologia è pronta ad essere sfruttata in modo economicamente conveniente nell'intenso servizio urbano quotidiano. I tempi per la terza generazione di motori Scania a bioetanolo, altrettanto efficienti quanto un tradizionale motore diesel e conformi ai livelli di emissioni Euro 5 ed EEV, sono ormai maturi.

Scania ritiene che il bioetanolo sia il carburante rinnovabile al momento più conveniente per il servizio urbano, poiché può contribuire fin d'ora alla realizzazione di un sistema di trasporto pubblico sostenibile. Secondo Scania il trasporto pubblico deve essere sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico, facendo uso di carburanti compatibili con l'attuale tecnologia motoristica. Il bioetanolo è di gran lunga il carburante rinnovabile economicamente più conveniente sul mercato attuale, se si considerano fattori come disponibilità, infrastrutture e accesso a una tecnologia collaudata. Le nuove tecnologie come la trazione ibrida sono alle porte e le celle a combustibile potrebbero divenire vantaggiose nell'arco di dieci anni ma non ci sono motivi per continuare ad aspettare.

Il passaggio ai combustibili rinnovabili può iniziare IMMEDIATAMENTE sulla base della tecnologia esistente.

Produzione di bioetanolo

Durante la combustione del bioetanolo, un carburante rinnovabile e biologico, le emissioni nette di CO2 fossile nell'atmosfera vengono ridotte anche del 90%, a seconda del metodo di produzione e della materia prima utilizzata. Il bioetanolo può essere ricavato dalla canna e dalla barbabietola da zucchero, dai cereali e da vari tipi di rifiuti biologici, ad es. quelli forestali. Il miglior metodo di produzione di massa attualmente utilizzato è l'estrazione dalla canna da zucchero ma anche la produzione da rifiuti forestali con processi biologici integrati e generazione di calore o energia dà risultati altrettanto elevati. La produzione di bioetanolo in sostituzione del petrolio è in espansione in tutto il mondo. Fra i vantaggi principali rientra il fatto che l'infrastruttura di distribuzione è già esistente poiché il bioetanolo è un carburante liquido che può essere gestito come qualsiasi altro combustibile di questo genere.

Benzina/bioetanolo per le autovetture

Con minime modifiche, le auto a benzina (con motori a ciclo Otto) possono funzionare a etanolo o con una miscela all'85% di etanolo e benzina. I loro motori funzionano in base al principio Otto, con un'efficienza fino al 35% a pieno carico e fino al 15% a carico parziale.

Diesel/bioetanolo utilizzato da Scania

Scania ha scelto di adattare i suoi motori diesel affinché possano funzionare a bioetanolo. I più recenti motori Scania diesel/bioetanolo hanno la stessa efficienza (fino al 44%) di un corrispondente motore diesel. A carico parziale l'efficienza è comunque superiore del 30%. Scania è l'unica casa costruttrice in grado di utilizzare questa tecnologia.

Una tecnologia matura

Gli autobus a bioetanolo di Scania vengono utilizzati in città svedesi dal 1989. Gli autobus forniti sono stati più di 600. Fin dalla metà degli anni '80 l'azienda di trasporti pubblici di Stoccolma (SL) decise di sostituire i suoi autobus diesel in servizio sulle linee urbane con autobus a carburanti rinnovabili. Oggi gli autobus a bioetanolo vengono utilizzati su tutte le tratte urbane, integrati da alcuni autobus a biogas. SL ha registrato notevoli miglioramenti in termini ambientali dal momento in cui ha adottato questa decisione e ora ha iniziato a utilizzare autobus a bioetanolo anche in periferia. Secondo la SL non ci sono svantaggi operativi qualora vengano rispettati i requisiti e gli intervalli di manutenzione previsti. Gli autobus stessi sono completamente di serie e utilizzano i normali componenti Scania. Autobus a bioetanolo sono in servizio in diverse città fuori dalla Svezia, come Madrid in Spagna, La Spezia in Italia e Slupsk in Polonia, nonché in Australia. Numerose altre città hanno manifestato interesse.

Tecnologia per i motori diesel/bioetanolo

La nuova unità a bioetanolo è un adattamento del più recente motore diesel Scania da 9 litri con intercooler aria-aria e ricircolo dei gas di scarico, EGR. Il motore è stato

certificato sia per l'Euro 5 che per l'EEV, lo standard leggermente più restrittivo proveniente dalla California. Con iniettori pompa per ciascun cilindro e alberi con doppio bilanciere situati nella coppa dell'olio, il motore a 5 cilindri funziona in modo regolare ed economico. Un'unità da 9 litri con 270 CV di potenza e una coppia massima di 1200 Nm garantisce una risposta e una guidabilità eccellenti. L'elevata elasticità del motore sin da un basso numero di giri consente alla catena cinematica di fornire un'ottimale economia operativa. Il motore fa parte della gamma modulare di propulsori Scania che prevede la condivisione dei componenti fra motori con diverse configurazioni. Ciò agevola notevolmente la fornitura dei ricambi e la manutenzione poiché i componenti sono sempre disponibili e tutte le officine di assistenza Scania conoscono la tecnologia del motore. Nella seconda metà del 2007, Scania introdurrà anche una nuova gamma di motori diesel con EGR conformi agli standard Euro 5 ed EEV.

Dati tecnici del nuovo motore Scania a etanolo

Livelli di emissioni Euro 5 ed EEV

Configurazione 5 cilindri in linea con intercooler e iniettori pompa, 4 valvole

per cilindro ed EGR, ricircolo dei gas di scarico

Cilindrata 8,9 litri

Rapporto di compressione 28:1

Potenza 199 kW (270 CV) a 1900 giri/min

Coppia 1200 Nm a 1100-1400 giri/min

La tradizione Scania sul bioetanolo

Il primo motore Scania a bioetanolo fu realizzato a causa della crisi di carburante del 1916. In tempi moderni, il primo motore a bioetanolo fu sviluppato nella seconda metà degli anni '70 in Brasile dopo la decisione del governo di sostituire la maggior quantità possibile di carburanti fossili con alternative locali. Gran parte delle auto passò rapidamente dalla benzina al bioetanolo o a una miscela. Scania concentrò la propria attività di ricerca sulla produzione di un motore diesel che funzionasse a bioetanolo pur conservando l'eccezionale efficienza che lo contraddistingue. Gli sforzi si intensificarono a metà degli anni '80 quando SL decise di promuovere il passaggio ai carburanti rinnovabili a Stoccolma.

Il venerando motore per autobus e autocarri da 11 litri fu adattato a funzionare a bioetanolo miscelato con un additivo per migliorare l'accensione e facilitare così

l'avviamento a freddo e la combustione. Con una potenza di 260 CV, questo motore soddisfaceva senza difficoltà i limiti sulle emissioni di NOx e PM previsti dallo

standard Euro 3 (nemmeno ancora concepito nel 1989), che entrarono in vigore nel 2001. Il motore a bioetanolo di seconda generazione di Scania, lanciato con una nuova gamma di autobus nel 1996, si basava sul 9 cilindri. Installato sull'autobus urbano a pianale ribassato OmniCity di Scania, il motore vantava 230 CV di potenza e

rispettava i limiti Euro 4.

Altri carburanti alternativi e rinnovabili

L'RME, metilestere di colza, è un carburante rinnovabile prodotto dalla colza secondo uno standard prestabilito (FAME, estere metilico di acidi grassi). Fra i suoi vantaggi principali rientra il fatto che può essere utilizzato in un motore diesel senza alcuna modifica. L'uso su vasta scala dell'RME è limitato dalla capacità di coltivazione insufficiente per le enormi esigenze dell'industria dei trasporti. I moderni motori diesel di Scania possono funzionare al 100% con RME oppure con una miscela con al massimo il 5% di RME nel normale gasolio. L'uso con miscele fra il 5 e il 100% dovrebbe essere effettuato in stretta collaborazione con Scania al fine di monitorare la qualità dell'olio, il funzionamento del motore e le emissioni. Possono essere utilizzati anche altri carburanti FAME come l'SME, il metilestere di soia. Non sono consentiti carburanti non esterificati. Il gasolio sintetico è una valida alternativa, in particolare se prodotto da fonti rinnovabili come i rifiuti biodegradabili. Può essere mescolato in proporzioni crescenti al normale gasolio e le capacità potenziali sono elevate. Nel complesso, il gasolio sintetico è un ottimo carburante.

Scania produce autobus che funzionano a biogas, un carburante rinnovabile, o CNG fossile. Nonostante i pesanti serbatoi, funzionano in modo regolare e silenzioso, con

un ulteriore vantaggio per l'ambiente. Dagli anni '80 Scania ha fornito circa 2000 motori a gas, molti dei quali alimentano autobus a gas in Australia.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.scania.com, o contattare:

- Hans-Åke Danielsson, Press Manager, tel. +46 70 3468811,

e-mail hans-ake.danielsson@scania.com

- Urban Wästljung, Head of Public and Environmental Affairs, tel. +46 70 5371619,

e-mail urban.wastljung@scania.com