Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

La strategia per i motori Euro 4, Euro 5 ed oltre

Tecnologie motoristiche per soddisfare qualsiasi esigenza

Scania ha puntato su una combustione più pulita adottando l'EGR (Exhaust Gas Recirculation, ricircolo dei gas di scarico) come sua principale strategia per soddisfare i limiti Euro 4, Euro 5 e quelli delle future normative. Conveniente ed economica, la tecnologia Scania EGR ha dimostrato la sua validità. I clienti apprezzano il fatto che basti un pieno di normale diesel per essere certi di prestazioni all'insegna della massima compatibilità ambientale in tutte le condizioni di esercizio.

La scelta della tecnologia per l’abbattimento delle emissione fa parte della strategia di Scania di fornire una catena cinematica integrata che garantisca al cliente la

massima economia operativa possibile in qualsiasi tipo di trasporto. Il sistema EGR (Exhaust Gas Recirculation) fa parte del percorso che Scania intende seguire per la riduzione delle emissioni. Grazie a ulteriori miglioramenti della combustione e della tecnologia d'iniezione, la comprovata soluzione EGR può essere utilizzata per soddisfare sia la normativa Euro 4 che Euro 5.

Scania utilizza pressioni d'iniezione assai elevate per ridurre il particolato (PM). Sviluppato e realizzato in collaborazione con il costruttore statunitense di motori

Cummins, il sistema HPI di Scania (iniezione ad alta pressione) ricorre a pressioni di iniezione massime di 2400 bar per ridurre il particolato senza alcun post-trattamento e conformarsi così ai livelli Euro 4.

Per ridurre la formazione di ossidi di azoto (NOx) Scania ha adottato la soluzione brevettata basato sul sistem EGR. L'aria di alimentazione mescolata con una piccola

quantità di gas di scarico riduce la temperatura di combustione che, a sua volta, riduce la formazione di NOx. Nella seconda metà del 2007, Scania inizierà a introdurre motori in linea per autobus e autocarri, dotati del sistema EGR che soddisferanno gli standard Euro 5 ed EEV.

Ciò implica ulteriori sviluppi della tecnologia di iniezione – Scania XPI (iniezione ad altissima pressione), un nuovo sistema di iniezione common rail, di nuovo progettato

e realizzato insieme a Cummins – e una soluzione EGR ulteriormente perfezionata che consente il ricircolo di maggiori quantità di gas di scarico. Dal 2009, parte della

produzione e del montaggio del sistema XPI di Scania verrà effettuata anche nel nuovo stabilimento di Södertälje in Svezia.

Scania ha anche sviluppato la tecnologia SCR per i suoi motori V8 e per alcuni dei primi motori Euro 5, ma nel lungo termine tutti i motori del range Scania conformi ai

livelli Euro 5 saranno equipaggiati con il sistema EGR.

Euro 6

Nel passaggio all'Euro 6 – per il quale rimangono da decidere metodi di prova e tempi – Scania potrà pertanto usufruire delle più avanzate conoscenze in fatto di EGR, SCR e tecnologia di iniezione. Sebbene la scelta della tecnologia sia strettamente legata ai livelli stabiliti, i primi motori Euro 6 “incentive” utilizzeranno probabilmente sia EGR che SCR ma nel lungo termine Scania sarà impegnata per l’adozione del sistema EGR. Autorità ed industria automobilistica stanno compiendo sforzi per armonizzare i metodi di prova e, possibilmente, i livelli delle emissioni in tutto il mondo. Una volta entrata in vigore la norma Euro 6, le emissioni nocive dei motori diesel saranno

probabilmente così ridotte che l'attenzione passerà sull'anidride carbonica e sui carburanti rinnovabili. In realtà, ciò sta già accadendo.

Tecnologia per altri carburanti

Scania sostiene il necessario passaggio ai carburanti rinnovabili che a suo parere deve iniziare fin d'ora. Tale cambiamento può essere realizzato con la tecnologia esistente e con carburanti già disponibili sul mercato. Per sostituire il gasolio su vasta scala occorre utilizzare diverse tipologie di carburanti. Scania fornisce motori a bioetanolo sin dalla seconda metà degli anni '80 e i suoi attuali motori funzionano al 100% a RME (vedere comunicato stampa specifico sul bioetanolo). Tali carburanti sono disponibili già ora. Nei prossimi dieci anni diventeranno probabilmente disponibili altri carburanti e altre tecnologie di propulsione che dovranno essere adottati a scopo integrativo nel momento in cui risulteranno economicamente convenienti. Un'altra tendenza che sta per prendere piede su vasta scala è la trazione ibrida. La

convenienza economica di molte delle soluzioni adottate finora dipende da incentivi o dal supporto pubblico. Vedere il comunicato specifico sul concetto di trazione ibrida

di Scania.

Oltre l'Euro 6

Grazie alla sua superiore efficienza dei consumi, il principio del motore diesel continuerà a rimanere la migliore alternativa per il trasporto pesante su strada per molti anni a venire, anche perché l’elevata efficienza dei consumi contribuisce pure a contenere le emissioni di CO2. Il motore diesel ha ancora un notevole potenziale di sviluppo. Grazie ai costanti perfezionamenti in termini di iniezione del carburante, gestione del motore e controllo delle emissioni, dovrebbe essere possibile un'ulteriore riduzione delle emissioni. Oltre ad essere efficiente, il motore diesel è anche molto flessibile in termini di carburante, caratteristica che agevola una graduale introduzione di vari biocarburanti. “Dateci un carburante e noi riusciremo a realizzarne la combustione,” continuano ad affermare i tecnici Scania. Parallelamente ai requisiti più severi che entreranno in vigore in alcune regioni, la conformità all'Euro 3 e all'Euro 4 continuerà ad essere richiesta fino al 2010 e oltre.

Ciclo Otto, diesel e HCCI

Le tecnologie diesel e ciclo Otto sono saldamente affermate e continueranno ad essere perfezionate per molti anni a venire. In una prospettiva a più lungo termine, Scania sta anche effettuando ricerche sulla tecnologia HCCI (homogeneous charge compression ignition), in cui il carburante e l'aria vengono omogeneamente miscelati

al di fuori della camera di combustione, come nella maggior parte degli attuali motori a benzina. La miscela viene accesa mediante compressione come in un diesel.

Scania è ottimista in merito alla possibilità di utilizzare questa tecnologia come fonte di propulsione per i veicoli pesanti entro i prossimi 10 anni.

Per maggiori informazioni, contattare:

- Urban Wästljung, Head of Public and Environmental Affairs,

tel. +46 70 5371619, e-mail urban.wastljung@scania.com