Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

È italiano il miglior camionista d’Europa

Michele Sandri è risultato il migliore tra 5.000 camionisti provenienti dai 20 paesi partecipanti alla competizione Young European Truck Driver. “E’ come aver vinto un gran premio del moto mondiale”, afferma il vincitore

Michele Sandri, 27 anni di Trento e appassionato di motociclismo, è stato eletto miglior giovane camionista d’Europa vincendo la finale dello Young European Truck Driver, la competizione tra giovani camionisti di tutta Europa organizzata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza stradale. Sandri, già vincitore delle selezioni italiane, ha sbaragliato gli altri diciannove concorrenti provenienti dalle altrettante nazioni aderenti all’iniziativa. Lo Young European Truck Driver, promosso da Scania, col patrocinio della Commissione Europea e il sostegno di Michelin, Shell e IRU (International Road Transport Union), ha coinvolto più di 5.000 giovani camionisti, con età inferiore ai trent’anni, provenienti dai quindici paesi dell’UE più Norvegia, Svizzera, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.

I venti finalisti, risultato di un’impegnativa selezione a livello nazionale, si sono incontrati sabato 20 settembre a Södertälje, vicino Stoccolma, presso la sede Scania, per confrontarsi attraverso una serie di prove di abilità nel rispetto delle norme di sicurezza stradale. Tra le varie prove di manovra, frenata e guida su strada con un mezzo pesante, Michele Sandri ha totalizzato il punteggio più alto, dimostrando una straordinaria capacità di attenersi a precisi parametri di guida, in rispetto delle norme di sicurezza, di trasporto delle merci e di guida con un consumo efficiente di carburante.

“Sono felicissimo”, è stato il primo commento del vincitore. “Per me, è come aver vinto un gran premio del moto mondiale, anche se qui il fattore vincente non è la velocità ma la guida sicura. La passione per i mezzi pesanti è nata con me – continua Sandri - avevo solo tre anni e già sognavo di potermi mettere alla guida di un gigante della strada. Quindi non ho perso tempo: a 19 anni ho conseguito subito la patente C e a 21 la patente E. L’entusiasmo per questo lavoro me lo ha trasmesso mio nonno, che è stato uno dei primi padroncini qui a Trento. È lui che mi ha fatto apprezzare ciò che rende unico questo mestiere: la libertà. Libertà di viaggiare, di conoscere luoghi, persone e culture sempre nuove”.

Lo Young European Truck Driver si è svolto col patrocinio della Commissione Europea che, con il supporto dato alla manifestazione, intende perseguire gli obiettivi di politica europea del trasporto fissati nel libro bianco “Politica Europea del Trasporto per il 2010: è tempo di decidere”. La Commissione Europea ha infatti stabilito l’ambizioso obiettivo di dimezzare entro il 2010 il numero dei morti sulle strade di tutta Europa, che attualmente si aggira attorno a 40.000 vittime l’anno, con una forte incidenza della mortalità tra i giovani con età compresa tra i 14 e i 25 anni. Per questa ragione la Commissione ha deciso di sostenere campagne di sensibilizzazione che abbiano i giovani come destinatari prioritari.

“Abbiamo voluto incoraggiare i giovani affinchè si facciano portavoce della sicurezza stradale,” afferma Giancarlo Codazzi, amministratore delegato di Italscania. “Scania, che ha una lunga tradizione nello sviluppo di soluzioni tecniche per rendere più sicuri i propri veicoli, ha voluto promuovere questa iniziativa per sensibilizzare tutti gli utenti della strada e per sottolineare l’importanza della formazione dei conducenti, qualunque sia il mezzo di trasporto impiegato, nella prevenzione degli incidenti”.

Per Michele Sandri la vittoria della competizione vuol dire anche un viaggio a Rio de Janeiro, in Brasile, alla scoperta della foresta amazzonica e la qualificazione diretta alla finale della prossima edizione dello Young European Truck Driver, annunciata ieri da Scania e prevista per il 2005. Il giovane trentino, inoltre, parteciperà il prossimo 8 ottobre alla Road Safety Conference di Bruxelles in qualità di rappresentante dei giovani camionisti europei.