Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

La nuova gamma di cambi Scania:

Grandi ruote continuano a girare - più lentamente

·       Progettati per un abbinamento perfetto con i motori Scania e la filosofia dei bassi giri motore

·       Risparmio di carburante di circa l’1%

·       60 kg circa in meno di peso, grazie alla scatola in alluminio e di dimensioni inferiori

·       I tre freni sugli alberi migliorano le prestazioni nel cambio marcia

·       Attuazione pneumatica del cambio marcia e fino a 8 retromarce

·       Maggiore silenziosità, per rispettare future normative

·       Minor perdite energetiche interne e sistema di lubrificazione a volume d’olio variabile

·       Intervalli di manutenzione migliorati

 

Sviluppare una gamma di cambi completamente nuova è un progetto enorme, soprattutto quando l’obiettivo è quello di migliorare ulteriormente quello che già è un riferimento per il settore. Ecco perché la nuova gamma di cambi Opticruise Scania non ha nulla in comune con la gamma esistente. Con i suoi numerosi miglioramenti dal punto di vista delle prestazioni, rimarrà competitiva durante tutto questo decennio.

“Odio usare il detto “partire da zero”, ma è stato proprio il nostro caso” ha evidenziato Jimmy Larsson, Senior Manager, Head of Gearbox Development, Scania R&S. “Il compito dei team era di sviluppare cambi che potessero gestire tutte le diverse richieste del prossimo decennio, in particolare consumo di carburante, guidabilità e sostenibilità. Con questa nuova gamma, anche i veicoli con una massa complessiva elevata possono usare la sincronizzazione rapida sugli alberi mantenendo comunque i livelli di spunto richiesti”.

Scania ha una lunga tradizione nell’offerta di sistemi di propulsione con coppia elevata a basso regime motore, come elemento chiave per ottenere bassi consumi di carburante. Perché? Se il motore ha la coppia e la forza per muovere il veicolo ad un regime motore ridotto, allora viene utilizzato meno carburante (semplicemente perché il carburante deve essere iniettato in un cilindro ogni quattro corse del pistone).

Questo implica calcoli molto complessi con una moltitudine di fattori da considerare, ma noi siamo riusciti in quest’impresa. Se si riesce a mantenere una velocità di crociera attorno, o appena sopra, ai 1050 giri motore, si riesce con certezza a ridurre i consumi di carburante. Fino a qualche tempo fa, un tipico autocarro a lunga percorrenza operava ad un livello di 1400 giri al minuto. La nuova gamma di cambi Scania ha una rapportatura più ampia con in aggiunta una marcia di allungo e riesce quindi a gestire giri alti e bassi in un modo estremamente efficiente.     

Massima efficienza

Una caratteristica notevole di questi cambi è la capacità di ridurre i consumi di carburante. Per questo motivo, gli ingegneri Scania, durante la progettazione e lo sviluppo della nuova gamma, si sono concentrati in modo particolare sulle perdite energetiche. L’obiettivo pianificato è stato raggiunto, gli attriti interni sono stati ridotti di oltre il 50%. Questo è stato raggiunto attraverso nuovi trattamenti superficiali di alcuni degli ingranaggi, usando un olio MTF a bassa viscosità e disponendo, all’occorrenza, parte di questo olio in un’area separata in alto sopra il cambio. Questo riduce il fenomeno dello sbattimento d’olio degli ingranaggi (pensate ad un mulino ad acqua). Alcune aree degli ingranaggi che sono sottoposte ad una forte usura quando assorbono gli sforzi interni, sono dotati di spruzzatori d’olio.

Silenzioso con alloggiamenti interamente in alluminio

Il primo nato della gamma, il G33CM, pesa 60 Kg in meno dei cambi attuali, soprattutto grazie alle scatole interamente in alluminio e le dimensioni leggermente inferiori. Un altro risultato chiave è la riduzione del rumore, un prerequisito fondamentale per rispondere a future norme in materia di emissioni acustiche. La riduzione media del rumore arriva fino a 3,5 dB, un dato considerevole se si considera che la scala dB è logaritmica.

imm_1

La nuova gamma dei cambi Scania ha scatole interamente in alluminio e dimensioni leggermente ridotte che portano ad una riduzione di peso di circa 60 Kg. Con un minor attrito interno e una rapportatura più ampia del cambio, abbinata alle prestazioni dei motori Scania a bassi regimi, è possibile ridurre ulteriormente il consumo carburante.

I nuovi cambi sono più corti rispetto al cambio Scania attualmente più diffuso, il GRS905. Utilizzando soltanto due sincronizzatori (invece di sette), tra lo split alto e basso, i nuovi cambi sono più corti e compatti, con alberi che riescono a trasmettere una coppia più alta. Questo permette di utilizzare cambi con ingranaggi leggermente più larghi che riescono a gestire masse complessive più elevate e sono più durevoli.

Eliminare i sincronizzatori pone richieste più elevate sul sistema di gestione del cambio e la generale strategia del cambio di marcia. Tutta l’elettronica è quindi nuova e gestisce gli attuatori pneumatici e i freni degli alberi (tre in totale) che sono fondamentali per un cambio di marce veloce, uniforme e accurato.

Otto retromarce

Gli ingegneri Scania hanno adottato un nuovo approccio per la retromarcia. Nella maggior parte dei cambi, andare in retromarcia significa far ruotare l’albero principale nella direzione opposta con un ingranaggio dedicato. Nella nuova gamma Scania, al contrario, viene usato il moltiplicatore epicicloidale. Questa soluzione permette di avere otto retromarce (opzionale) per una velocità fino a 54km/h. Questo è utile quando, per esempio, i veicoli ribaltabili devono fare marcia indietro per lunghe distanze (come nella costruzione di tunnel). Gli intervalli per il cambio di olio sono notevolmente migliorati, grazie ad una maggiore precisione e l’uso di filtri olio più grandi e olio di alta qualità.

 

Soluzioni di PTO intelligenti

Non possiamo non menzionare le prese di forza. La nuova gamma di cambi viene fornita con un’ampia offerta di soluzioni di PTO sviluppate con l’obiettivo di soddisfare gli innumerevoli bisogni dei clienti e delle specifiche applicazioni.

Sarà disponibile una gamma completa, in realtà nove prese di forza diverse, caratterizzate da una performance migliore, meno perdite energetiche e una grande flessibilità grazie alla modularità. Le prese di forza al cambio EG prendono il moto direttamente dall’albero secondario e sono lubrificate a pressione dal cambio. La nuova interfaccia sul cambio, con lubrificazione, permette di installare attrezzature ancor più pesanti come pompe idrauliche.

“Abbiamo ottimi motivi per credere che la nostra nuova gamma di cambi rappresenti lo stato dell’arte per i motori dei nostri potenti veicoli”, ha evidenziato Alexander Vlaskamp, Executive Vice President, Head of Sales and Marketing di Scania. “Vogliamo sostenere i nostri clienti nello svolgimento delle loro attività di trasporto, senza interruzioni e in modo sostenibile, per molti anni a venire”.