Portami a Scania in italia .
Vai al tuo sito di mercato Scania per ulteriori informazioni.
Italia
regione di vendita
Production units

La potenza del V8 è la scelta naturale per una vasta gamma di ap­pli­ca­zio­ni

La decisione di Scania di introdurre una nuova serie di potenti motori V8 per i veicoli di nuova generazione lanciati lo scorso anno, è sicuramente un segno dei tempi.

Il costante aumento di peso delle combinazioni è una risposta alla richiesta di ridurre le emissioni di CO2 e di incrementare l’efficienza nei trasporti da parte di una vasta gamma di applicazioni e settori. La revisione in corso delle normative sul peso e sulla lunghezza di tali combinazioni e, allo stesso tempo, il rapido sviluppo delle reti stradali e delle tecnologie dei veicoli, impongono una riduzione delle emissioni per tonnellata/km. Un motore potente come uno Scania V8 è la scelta ideale per le aziende di trasporti alla ricerca di un consumo ridotto di carburante, della massima produttività e di una maggiore sostenibilità della propria flotta.

“La scelta di un motore Scania V8 è innanzitutto una scelta logica dal punto di vista dell’ottimizzazione dei costi e, a tal riguardo, nessun cliente con una combinazione di motrice e rimorchio con peso superiore a 30 tonnellate potrà rimanere deluso”, afferma Björn Fahlström, Vice President, Product Management, Scania Trucks. “I maggiori livelli di produttività possono essere misurati in modo tangibile, e lo stesso vale per il consumo di carburante per tonnellata/km. Altri vantaggi sono il miglior confort per l’autista, il maggiore livello di utilizzo e lo straordinario valore dell’usato, sempre più evidenti con il passare del tempo”.

In Europa, i Paesi scandinavi vantano la legislazione più generosa in termini di lunghezza e peso consentiti e hanno condotto studi approfonditi sull’impatto delle nuove combinazioni di veicoli, sia dal punto di vista economico che di riduzione delle emissioni di gas serra nocivi.

Il Paese in cui tradizionalmente è consentita la circolazione di combinazioni di veicoli più lunghi e pesanti senza autorizzazioni speciali, è la Svezia. Nel 1968, il Paese ha introdotto un quadro normativo che consentiva la circolazione di veicoli da 24 metri, mentre oggi hanno raggiunto i 25,25 metri e un peso di 64 tonnellate. Nel 2017, il Paese promulgherà un nuovo regolamento che consentirà fino a 74 tonnellate su determinate strade. Il quadro è ancora più permissivo nella vicina Finlandia, dove è già consentita la circolazione di combinazioni fino a 76 tonnellate, a condizione che siano soddisfatti diversi requisiti in termini di numero di assali, tipologia di strada e rapporto peso/potenza del veicolo.

“Per Scania, la Scandinava è il mercato di casa e di conseguenza vantiamo una considerevole esperienza in termini di combinazioni lunghe e pesanti”, spiega Fahlström. “Tuttavia, la domanda di motori più robusti, affidabili ed efficienti dal punto di vista energetico è in aumento anche nel resto del mondo”. L’Unione Europea appare intenzionata a mantenere i regolamenti attualmente in vigore, che consentono la circolazione di semi-rimorchi fino a 16,5 metri e 40 tonnellate. Tuttavia, è già allo studio una modifica di questi regolamenti ed è evidente che i decision-maker in altre parti del mondo hanno già intravisto il potenziale offerto dalle tecnologie più moderne in termini di riduzione dell’impatto ambientale ed economia dei trasporti.

“Per il momento, la nuova generazione di V8 Scania è offerta solamente nella configurazione Euro 6, ma nell’ambito del nostro programma è già previsto il lancio di altri livelli di emissioni”, prosegue Fahlström.

L’esperienza ha già dimostrato che i vantaggi offerti dalle combinazioni più lunghe e pesanti sono tangibili, a fronte di svantaggi minimi, a condizione che il quadro normativo sia stato correttamente definito. Uno dei dati più rilevanti è che le combinazioni di veicoli più pesanti presentano un vantaggio limitato se il veicolo non può circolare al massimo della lunghezza consentita, o viceversa.

Un ottimo esempio è rappresentato dal Transport Laboratory di Scania, che da diversi anni provvede al trasporto delle merci in entrata/uscita dallo stabilimento svedese per mezzo di combinazioni di veicoli da 31,5 metri (una motrice V8 accoppiata a due rimorchi lunghi, per un totale di 10 assali), con risultati eccellenti. Il consumo di carburante è stato ridotto del 30%, un risultato straordinario difficilmente raggiungibile con altri metodi.

Scania ha collaborato anche a una serie di test in Scandinavia con combinazioni ancora più lunghe e pesanti, spesso per applicazioni forestali. I risultati sono inconfutabili: il consumo di carburante per tonnellata/km si è ridotto drasticamente, senza svantaggi evidenti in termini di usura delle strade o riduzione della sicurezza stradale.

Con l’introduzione della versione da 650 CV e di conseguenza di un nuovo livello di potenza alla gamma V8, molti clienti che trasportano carichi estremamente pesanti potranno trovare ora un nuovo motore che fa al caso loro. Infatti, il motore è in grado di erogare una potenza di ben 3.300 Nm a partire da 950 giri/min., senza limitazioni di coppia a qualsiasi marcia.

Questo permette anche di optare per rapporto al ponte più lungo sull’assale posteriore e di sfruttare la coppia per ridurre il regime e di conseguenza il consumo di carburante. L’anno scorso, Scania ha introdotto una nuova versione particolarmente veloce con un rapporto di trasmissione di 2,35:1 sull’assale posteriore, in grado di funzionare alla perfezione con i potentissimi motori V8 nelle applicazioni di trasporto a lungo raggio.

Tuttavia, le combinazioni di veicoli più pesanti non sono l’unico argomento di interesse per i clienti. Infatti, anche coloro che sono coinvolti in attività di trasporto più convenzionali hanno un ottimo motivo per prendere in considerazione un motore Scania V8. Dall’introduzione della prima generazione nel 1969 con un’incredibile potenza di 350 CV, i motori Scania V8 si sono guadagnati una solida reputazione di affidabilità e robustezza – caratteristiche che si riflettono nel chilometraggio elevato e nel valore dell’usato più alto del settore.

Ad esempio, i clienti che opteranno per il nuovo motore da 520 CV (DC16 116), basato su una tecnologia avanzata sotto forma di albero a camme con ciclo Miller, potranno contare su diverse caratteristiche che raramente si trovano abbinate.

“È veramente straordinario sedersi al volante di una combinazione da 40 tonnellate e poter contare su una coppia di 2.700 Nm, con la possibilità di mantenere una velocità di crociera elevata e costante anche su strade collinose con un consumo di carburante uguale o inferiore a quello di motori da 450 CV di altre marche”, afferma Fahlström.

“Inoltre, il fatto che il veicolo abbia un cuore che non smette mai di battere e che mantenga un valore dell’usato elevato, spiega perché i motori Scania V8 sono diventati così leggendari”.

I motori Scania V8 rappresentano, già da diversi decenni, una scelta naturale in caso di condizioni di guida impegnative. Per non parlare del fatto che sono ambiti da tantissimi clienti anche per altri motivi come l’inconfondibile rombo, la potenza e la particolare sensazione di guida. Oppure, come ci tiene a sottolineare Björn Fahlström, perché abbinano la logica alle emozioni:

“Ogni soluzione sviluppata da Scania è sempre mirata alla produttività del cliente. Ogni rapporto con il cliente inizia da una valutazione congiunta e approfondita delle condizioni specifiche dell’applicazione e prosegue con un’analisi attenta di come il cliente può ottenere la migliore economia operativa totale, grazie alle nostre soluzioni di trasporto. Considerando tutti questi parametri, spesso uno Scania V8 risulta la scelta ottimale per le situazioni più impegnative. Il prestigio e le sensazioni speciali sono compresi nel prezzo”.

COMUNICATO STAMPA